Sono Piemontese
7 January 2016
x
Sono Piemontese

Piemonte is Italy’s most terroiriste area, with strong similarities to Burgundy. Dwarfed by the snow-covered Alps to the north and west, the tightly folded Langhe hills with Clavesana’s 1400 acres of vineyards, are Italy’s answer to the Côte d’Or. Dolcetto is Piemonte’s workhorse grape. It is the third most important grape: 13,44% of the region’s vineyards are planted with it (12.550 acres, 5282 vineyard owners, over 1,8 million cases – if all was bottled as Dolcetto). Barbera claims 34,4%, Moscato 21,55%, Nebbiolo 7,81%. Dolcetto is Piemonte’s most friendly wine. True to its terroir and obedient to twelve Appellations, Dolcetto is exclusive to Piemonte. Some subvarieties are planted on the Ligurian border and in the french Savoy and in the USA’s Northwest, some in Argentina and Australia. Dolcetto’s main population is in the Piemontese province of Cuneo, Clavesana’s homeland: 7477 acres of it. The most dense population, the most historic and evolved Dolcetto population, and its most elevated is here, mostly around the town of Dogliani, where Clavesana’s Covintners own their vineyards: 350 of the 3.182 Dolcetto growers. Dogliani is recognised for being Dolcetto’s motherland – the Dolcetto Dolcetto. Nearly all of Piemonte’s highest vineyards are owned by Clavesana’s Covintners. The Clavesana-Terroir is blessed by the Tanaro river and by the Monviso – the highest mountain in the Maritime Alps. The Tanaro river safeguards from drought and the fresh currents of the Monviso provide good thermal excursion, securing primary aromas and acidity. The various altitudes of Clavesana’s 350 single vineyards add to the originality of the Clavesana Dolcetto. It is called Dolcetto for the very low acidity it holds at harvest-time, and also because this down-to-earth grape loves its elevated habitat: the “düssets” – the hilltops.

Piacere, Dolcetto!
7 January 2016
x
Piacere, Dolcetto!

I am born to La Dolce Vite. Raised to be down-to-earth on the “düssets” of Piemonte’s highest vineyards. I am Piemonte with a different altitude. And my cluster is airy and winged, with tiny berries (about 1,6-1,7 grams). I am original – not found anywhere else but here. I need the South-East to West exposure. I’m Guyot-trained for a maximum yield of 3 pounds per vine. Vines per hectare are 4500 – 6000. In the area of Dogliani, my original home, I am Dolcetto Dolcetto. Dogliani is from latin “Dolianum” – or “Dolium Iani” after one of the most ancient of roman italic divinities Ianus, the god of initiations. Legend has it that he stayed here on these hills with a dolium (cup) of Dolcetto. My most favourite soil on earth is here: marly essentially, with variations from sandy-marly to clayey-marly, thin soils lacking humus, “magri”, and with abundant microelements, known as “terre chiare” of greyish-blue colour. Any different kind of soil would give me “cascola”: my berries would fall off early. I am challenging and difficult to grow, and very delicate but with a tough skin – resistant to botrytis cinerea. I am vigourous and with a tendency to overbear: I need severe pruning. I’m Piemonte’s last in budsetting (late April, past frost hazard) and blossoming occurs well ahead of other piemontese varietals for a late July veraison already. I am the first red to be harvested. Good natural sugar content and unusually low acidity with sound phenolic maturity allow for a natural vinification where not even the malolactic fermentation needs to be induced. Vinification is rather easy, when compared to Nebbiolo, Barbera, Freisa, but far more difficult than international varietals. I have zero tolerance for manipulation. My forte are in my anthocyanins, which are principally responsible for the colour. They are abundant (more than in a good Cabernet Sauvignon) and resistant to oxidation. My tannins are abundant too and not dry. This allows for sound and well built wines which are also readily enjoyable. As a wine I can be enjoyed in late Spring after harvest and in a 2 to 3 years crescendo thereafter. Three main Dolcetto-challenges must be mastered with loving husbandry in the vineyard: the stability of my colouring agents, my eccessive tannins, and I have a tendency toward reduction. What I am, has very much to do with what I am not. I am not, for instance, a formula wine. I overdeliver in valor and value, in universality and versatility. I am true to twelve commandments (or appellations) and to myself. My husbandry is still in the hands of local vintners – entirely – unlike most Italian grapes. The same very small vineyard parcels remaining in the same local family for generations! – and to the non-monocultural nature of my motherland! I am Dolcetto. I am dolightful. I am Italy’s everyday’s terroir-wine. There are wines that try to score. I also connect. Jancis Robinson wrote: “Dolcetto – Piemonte’s next star?” (July 2010). Add Dolcetto!

Vigna
15 January 2016
x
Vigna
Dogliani
19 January 2016
x
Dogliani

Sono originario di Dogliani. Dogliani è un nome d’origine latina: Dolianum o Dolium Iani: la coppa di Giano. Giano (latino: Ianus) è il dio degli inizi, materiali e immateriali, ed è una delle divinità più antiche e più importanti della religione romana, latina e italica. Si narra che stare nelle vigne e nelle tinaie di queste colline era il suo divin diletto.
Tutti sappiamo dove siamo nati e quando. Io, che sono Dolcetto, so anche perché sono nato e perché nasco: per … piacere. Sono semplice, chiaro, comprensibile, evidente, limpido, fondamentale, primario, basilare – sono …elementare. Non facile, ma elementare. Puoi venire a trovarmi in una delle millequattrocento Giornate dei Covitcoltori in Clavesana, il primo coltivatore di Dolcetto su Terra. Producono il best-selling Dolcetto d’Italia. Ma, se sono già lì con Te, Ti avvedrai che con me puoi vivere “alla giornata”. La Giornata – in piemontese giornà – è un’antica unità di misura di superficie utilizzata in Piemonte, che a Clavesana viene usata tutt’oggi. Una Giornata piemontese equivale a 3.810 m². L’origine del nome deriva dalla corrispondenza con la quantità di terreno arabile mediamente con una coppia di buoi in una giornata. Forza fisica e dei sensi sotto il giogo del mentale. Alla selvatichezza oppongo la docilità e la placidità, la quiete, la forza tranquilla e la potenza controllata. Nelle etichette “Allagiornata”mi distinguo per i numi del genius loci e per il numero unico: il numero attribuito al Coviticoltore alla sua ammissione in Clavesana. Nella stessa etichetta sono anche le coordinate cartesiane delle Giornate che sono nella bottiglia. Le giornate non mancano a chi ne sa approfittare. Sì, passano anche a Clavesana le giornate – ma senza ferire l’eternità.
Il Dogliani, dicevo (e si dice e si sa) è il Dolcetto Dolcetto. Il più gran numero delle vigne più alte in Piemonte si veste dell’etichetta “Clavesana”. Poi c’è il Dogliani Superiore, che a Clavesana chiamano “il Clou”, perché il mio divenire è in cima ai loro desideri. “Siamo Dolcetto” – così, con questo pluraler singolare, si presentano loro. Il luogo-clou, dove si cimentano nel progenerarlo, è in sessantasei Giornate di antichi capostipiti, sopra e intorno al paesino di Dogliani. Da quasi un secolo è sul far del mio nuovo giorno questo vivaio così unico nel suo genere. Il Clou di Clavesana colmerà la seconda parte del loro primo secolo di scelte e di amicizie.

Vendemmia 2012
19 January 2016
x
Vendemmia 2012

Giuseppe Filippi, Coviticoltore 44,
in un ricordo della sua infanzia:

…dopo aver pigiato queste uve,…dopo circa otto giorni…si “tirava”(svinava) il vino, se era da tirare…prima si assaggiava una , due volte perché anche dalla sera al mattino, faceva già un po’ di cambiamento… e allora quando sembrava che andasse bene, secondo il palato delle persone, si tirava …e noi , che eravamo “masnà” (bambini), a volte ci mettavamo lì, mio padre andava via, e noi aiutavamo…ma mio padre diceva: ”Questo lavoro non è per voi, siete troppo piccoli…questo “fumo” vi ubriaca, vi brucia..e allora si metteva lui, era anche più pratico….dopo aver tirato il vino si faceva una torchiata, allora noi aiutavamo, saltavamo dentro a questo torchio… saltavamo dentro a questo torchio con un paio di zoccoli puliti, perché non c’erano ancora gli stivali e gli altri portavano via la vinaccia…e poi si torchiava, ed il vino era un pochettino…cambiava un po’ il gusto….

Dolcetto’s Space craft
19 January 2016
x
Dolcetto’s Space craft

With “Inalto” Clavesana is developing Precision Farming applications with Remote Sensing from Space. The study, the protection and the improvement of Piemonte’s wine economy most important constituent is at stake in the daily pursuit of increased quality at reduced operational and environmental costs. In 1959, when thirtytwo vintners founded Clavesana, the Soviet Union successfully launched Luna-1 spacecraft from Baikonour Cosmodrome. Luna-2 became the first man-made object to land on the Moon. The U.S.S.R. probe Luna-3 sent back the first ever photos of the far side of the Moon. Later that year Nasa announced its selection of seven military pilots to become the first U.S. astronauts.

Dolcetto is down-to-earth
and it is gaining ground.

The recently released 2011 Dolcetto vintage yielded 124 harvest-crates (of 44 lbs each) per Giornata, equal to 400 gallons an acre, which is 19% less than the last decade’s average. Over the last ten vintages Clavesana paid her Covintners an average of 20% more than market price for their grapes. Serve self, you serve society. Serve society, you serve yourself. Inner space is the real frontier, isn’t it?

foto di Giuseppe Bracco
x
foto di Giuseppe Bracco
Dolcetto, meglio di...
x
Dolcetto, meglio di…

Quel che io sono, ha molto a che fare con quel che non voglio essere. Per me che son Dolcetto, intelletto è meglio di intellettuale. Diretto è meglio di indiretto. Versetto è meglio di verso. Falsetto è meglio di falso. Dialetto è…meglio. Circospetto è meglio di circospezione. Amichetto è meglio di amico. Scorretto è …meglio. Vizietto è meglio di vizio. Minuetto è meglio di un minuto. Dolcetto è meglio di….

Rendo il compito del vinificatore abbastanza facile rispetto, ad esempio, al Nebbiolo o alla Barbera o alla difficilissima Freisa. Son più difficiletto però del Cabernet Sauvignon e del Merlot. Il mio forte è la componente fenolica: i miei antociani abbondano e sono predisposti a cedere colore e, in virtù delle antocianidine, sono resistenti all’ossidazione, a ulteriore garanzia dell’abbondanza e della vivacità del mio colore nel bicchiere. Abbondano ma non astringono anche i tannini contenuti principalmente nella buccia, ma qualche volta eccedono. Queste caratteristiche permettono di produrre dei vini corposi e anche di pronta piacevolezza. Tutto facile quindi? Elementare, ma non facile. Tre elementi in particolare mettono alla prova: la stabilità della materia colorante, la tannicità a volte eccessiva e la predisposizione dei vini Dolcetto ad andare in riduzione. E in quest’ottica assume un’importanza radicale la conoscenza approfondita del territorio, della popolazione vitata, delle scelte in vigna ed in vinificazione, e di….me.

IL CLONE
19 January 2016
x
IL CLONE

The verb ‘to decide’ comes from latin decidĕre, composed of dē- ‘away-‘ and caedĕre ‘cut’; literally ‘cut away’. Pruning in community makes Clavesana’s Dolcetto a cut above. “Dolcetto Clavesana Dogliani” makes up the acronym of our Clone: “D.CD”. Decide! It is decided with the Presidente in Clavesana. The clonal selection in our Covintners’ most historic Giornate is from those vines, which have seen the days, many of them pre First World War. Each of the 1400 Giornate is mapped in the Doglio di Clavesana with its organoleptic matrix. For the Greeks and the Romans the ‘doglio’ was the big vase where wine, olive oil and cereals were kept. In Clavesana the Doglio holds the living memory and the answers to today’s questions for ‘domani’. The generation of Clavesana’s native yiests and the clonal selection is undertaken in cooperation with the University of Turin and local nurseries, under the supervision of the local and regional authorities.